Soluzione Assets Management

La sfida attuale per i manager impegnati nella manutenzione e gestione di asset, è la creazione di un sistema “di conoscenza distribuita”, che dia la possibilità, a ciascun attore coinvolto nel processo di gestione, di avere accesso alle informazioni di sua pertinenza, sull’oggetto che sta verificando, quando occorre la necessità.

Allo scopo di assicurare l’efficienza e l’efficacia del sistema di cui sopra è opportuno che lo stesso abbia le seguenti caratteristiche:

  • Robustezza, allo scopo di garantire che il suo utilizzo non possa essere inficiato dalle molteplici tipologie di sollecitazione;
  • Flessibilità, fornendo una soluzione trasversale a molti settori (da quello aeronautico, a quello industriale, dal ferroviario a quello dell’oil and gas e utilities);
  • Versatilità, che permetta l’accesso differenziato alla memoria della tag in base alla qualifica dell’ operatore;
  • Sicurezza, per quanto attiene alla conservazione in memoria dei dati sensibili;
  • Capienza, per la mole d’informazioni da gestire;
  • Semplicità d’uso, che offra all’operatore un’interfaccia intuitiva che gli permetta di interagire facilmente con il sistema attraverso il dispositivo  mobile in dotazione.

Da un insieme di oggetti diversi, dunque, sarà possibile creare un “ecosistema digitale” in cui gli oggetti (diventati “smart” grazie alle etichette elettroniche) convivono e possono interagire univocamente con gli operatori in campo e quindi con i database\gestionali, ma anche senza di questi.

Smart Point SA ha già realizzato con successo diverse soluzioni in disparati ambiti aziendali, nazionali e internazionali.

Alcuni esempi sono:

Siemens Healthcare,

ha adottato la tecnologia Smart Point® per il funzionamento delle macchine per la mammografia di nuova generazione;

Metronapoli S.p.A.,

che gestisce la celebre Metropolitana dell’Arte del capoluogo campano, ha adottato la tecnologia Smart Point® per il supporto all’informatizzazione delle attività manutentive. Il progetto, già operativo, consente la gestione e il controllo delle manutenzioni, programmate e straordinarie, di ben 21 tipologie di oggetti diversi. Gli operatori, dotati di un tablet e di un lettore, eseguono il loro giro ispettivo e registrano sul tag quanto eseguito. I dati riguardanti il giro d’ispezione sono poi scaricati nel software centrale e diventano disponibili per essere analizzati “in back office” dal management, che compie le elaborazioni e le verifiche necessarie. Il processo è semplice, ma garantisce la massima affidabilità sulla provenienza dei dati, incrementando esponenzialmente la loro velocità di trasferimento così come l’efficienza e la sicurezza per gli Utenti;

Caterpillar Inc.,

si è servita di Smart Point® per la gestione dei pezzi di ricambio critici. Il progetto ha avuto luogo in Indonesia, dove un Dealer Cat ha etichettato dieci componenti critici su ciascun mezzo venduto. Questa soluzione ha reso possibile conoscere preventivamente il piano di rientro del mezzo per le manutenzioni programmate. Dunque, la tracciabilità delle attività svolte sui componenti riparati e talvolta cannibalizzati, ha permesso recuperi di efficienza, per il forte incremento della disponibilità dei mezzi. Inoltre, poter visualizzare contestualmente la storia di ciascun componente, ha permesso un’ottimizzazione dei pezzi oggetto di cannibalizzazione.

La capitaneria del porto di Termoli,

ha adottato le Soluzioni Smart Point® ottenendo:

  • La gestione informatizzata delle manutenzioni sugli impianti principali dell’edificio (quadri elettrici, UPS, centrale antincendio e antintrusione, ecc);
  • La realizzazione del “libretto elettronico” dell’edificio: registrazione su tag Smart Point® delle caratteristiche e dei dati di progetto dell’edificio.

In tal modo il porto di Termini ha potuto, con l’ausilio del software a corredo, disporre immediatamente e in maniera continuata di tutti i dati rilevanti dell’opera.

Scopo di tale libretto elettronico è, infatti, dotare ogni struttura di un sistema robusto e affidabile che preservi le informazioni di progetto nel tempo. Si pensi ad esempio a future ristrutturazioni e al normale avvicendamento degli uomini e delle società fornitrici di volta in volta incaricate di gestire e manutenere la struttura.

Un’azienda leader del Gruppo Italgas,

allo stesso modo ha avviato la gestione strumentale attraverso le etichette Smart Point®. La gestione tecnica degli strumenti così come tutte le attività di manutenzione e taratura degli stessi confluisce in un solo processo, ottenendo un miglioramento del sistema qualità aziendale.